Auditorium Mahler, Bolzano Festival bozen, Philipp Steinaecker, Soprano Camilla Tilling

Niente grandi orchestre giovanili, l’Accademia Mahler divisa in due tronconi, il Concorso Busoni rivisto e corretto, Antiqua solo con musicisti locali, novità come Cinema meets Opera, e Haydn in Cortile con l’orchestra frammentata in ensemble di musica da camera a suonare in piazze e cortili, performance coraggiose come le campane di Eduard Demetz. Nonostante tutte le difficoltà, nonostante in tutta Italia tutto sia stato fermato o quasi, la Fondazione Busoni-Mahler è riuscita a portare in porto questa strana, particolare edizione di Bolzano Festival Bozen.

Bolzano Festival bozen, Musica Cinema, NOI Techpark, Samir Pirgu

«Il bilancio di questa edizione è senza dubbio molto positivo. La decisione di riformulare il programma sulla base delle esigenze imposte dalle misure sanitarie è stata una sfida che ha richiesto flessibilità e dinamicità, lo studio di nuovi formati e di nuove modalità di svolgimento di quelli già consolidati – dice il direttore artistico Peter Paul Kainrath – La risposta del pubblico è stata estremamente positiva. Antiqua, che ha dovuto ripensare interamente il suo programma coinvolgendo soprattutto artisti locali ha registrato il tutto esaurito in tutti i suoi concerti e anche gli appuntamenti in Auditorium, al Teatro Comunale e al NOI Techpark hanno avuto un’ottima risposta, dimostrando che l’offerta musicale mancata per molti mesi ha lasciato nel pubblico una gran sete di musica e di cultura».

Condividi

Ti può interessare anche:

Sfida vinta dal Bolzano Festival Bozen!

Ven 16.10.20|

Niente grandi orchestre giovanili, l’Accademia Mahler divisa in due tronconi, il Concorso Busoni rivisto e corretto, Antiqua solo con musicisti locali, novità come Cinema meets Opera, e Haydn in Cortile con l’orchestra...